“Estremo è l’amore di Dio per noi”

Domenica delle Palme anno A

Commento: Siamo ormai arrivati alle porte della settimana Santa, il racconto della passione del Signore Gesù umanamente ci costringe ad entrare in un clima di silenzio. Davanti alla violenza, davanti all’odio, davanti alla crudeltà che ci ricorda scene che anche oggi riempiono i nostri occhi, e ci fanno esclamare: “Ma davvero noi uomini siamo capaci di arrivare a questo?” Si! Siamo noi uomini che portiamo, esportiamo, e fomentiamo morte e ogni sorta di male nel mondo, a iniziare da casa nostra, dai nostri rapporti nelle relazioni semplici e più quotidiane. La passione di Gesù riassume concretamente ogni azione violenta dell’uomo che, per estremo egoismo toglie di mezzo il suo simile, toglie di mezzo Dio, facendolo sparire dalla sua vista.

Un silenzio profondo ci chiudere la bocca, un silenzio così forte che le mille voci che ci abitano ogni giorno dovrebbero passare in secondo piano. Nasce nel cuore una seconda domanda: “Perché?” Sappiamo darci una risposta?

La risposta che ci da Gesù è davvero grande, è così grande che noi non riusciamo nemmeno a comprenderla, forse non ci sembra vera talmente è fuori dalle nostre logiche umane. La risposta di Gesù è: “Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti per il perdono dei peccati”. Gesù dona la sua vita. Il sangue è vita che scorre nelle vene; la vita è Spirito Santo che dona la vita vera. Siamo invitati a “prendere” con il pane-corpo spezzato, anche il sangue che cancella ogni nostra mancanza, ogni nostra cattiveria, ogni nostro errore. Il sangue di Gesù è dono che sigilla l’alleanza, il nuovo rapporto ristabilito con Dio, nel sangue di Gesù noi diventiamo consanguinei di Dio che perdona tutto, ogni cosa con Lui è ristabilita; davanti a quel calice elevato dovremmo tutti dire: “Ecco il calice del sangue di Gesù, che lava ogni mia colpa. Lode a Te o Santissima Trinità”.

Estremo è l’amore di Dio per noi, che ha preso su di sé con la sua morte, liberamente accolta, il nostro male e la nostra capacità di produrlo e consumarlo, perché noi potessimo esserne liberati, potessimo gustare la gioia e la Pace che deriva dall’essere legati a Lui per vivere come Lui. Nella sua morte cruenta Gesù ci offre una via di uscita, un altro modo di vivere questa esistenza. Pieghiamo le nostre ginocchia davanti a tale dono e nel silenzio, umilmente, deponiamo davanti alla Croce i nostri pesi, ciò che ci fa male, ciò che ci tormenta, il male che abbiamo fatto e il bene che potevamo fare, ma per pigrizia o indifferenza non abbiamo attuato. Chiediamo al Signore che ci insegni cosa significa amare come Lui ama.

 

Precedente Sabino Chialà "La vita spirituale nei padri siriaci" (1) Successivo Celebrare il giovedi Santo in famiglia